pinomusi.com logo

Paris Photo 2019, Artist Talks: Pino Musi in conversazione con Marc Feustel

23-11-2019 11:20

url: permalink


Pino Musi dialoga con il curatore Marc Feustel su "Border Soundscapes", Artphilein Edizioni, durante Paris Photo 2019

Pino Musi in conversation with Marc Feustel about "Border Soundscapes", Artphilein Editions, during Paris Photo 2019

Paris Photo 2019: Pino Musi in conversation with Marc Feustel

Artist_Talks.jpg

"Border Soundscapes" nella shortlist del Prix du Livre dei Rencontres di Arles 2019

02-07-2019 15:49

url: permalink


"Border Soundscapes", il nuovo libro di Pino Musi, con un testo di Marie Rebecchi, edito da Artphilein Editions, è nella shortlist del Prix du Livre 2019 dei Rencontres de la Photographie di Arles.

"Border Soundscapes", Pino Musi's new book, with text by Marie Rebecchi, edited by Artphilein Editions, is shortlisted for the Author Book Award 2019 at Les Rencontres de la Photographie, Arles.

Prix du Livre - Arles 2019

65460426_177678216585695_1277327182250639360_o.jpg

Partecipazione alla Mostra sull'Archivio Publifoto

18-04-2019 09:38

url: permalink


Il lavoro di Pino Musi "Dentro l'archivio Publifoto" fa da apertura alla mostra "Nel Mirino - L’Italia e il mondo nell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo 1939-1981" presso Camera - Centro Italiano per la Fotografia, a Torino, dal 13 aprile al 7 luglio 2019. Questa sezione è dedicata ad una ricerca fotografica svolta dall'autore a Milano, dentro i luoghi fisici dove é conservato l'Archivio. Come già anni addietro in un suo lavoro, "Biologie de l'acte d'ècrire", svolto presso la Biblioteca Civica di Rovereto e la Biblioteca Bodmeriana di Ginevra, poi confluito in un volume dal titolo "Libro", del 2002, Musi ha voluto lavorare nelle trame nascoste, nelle masse, nel paesaggio variegato ed imprevedibile delle materie che costituiscono i grandi archivi. In questo caso ha cercato di dar forma ad un percorso in cui avvenisse l'incontro fra il frammento fotografico e il frammento testuale, l’interno delle pagine scomposte dei faldoni e l'ordine degli schedari, le scatole che contengono i negativi, l’insieme delle cose minute e lo spazio architettonico del luogo che ospita il tutto. Successivamente, facendo perdere il riferimento della «scala» reale, le immagini sono state stampate, nel formato 138x175 cm., su Canson Rag Photographique.

01.jpg02.jpg03.jpg04.jpg05.jpg

Lecture alla Facoltà di Architettura di Aversa

30-12-2018 16:27

url: permalink


Mercoledì 19 dicembre 2018, alle 11,30, Lecture presso il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell'Università di Aversa.

48275685_123544421999075_3469878407418871808_o.jpg

Articolo per "che Fare" sul lavoro di Geert Goiris

15-11-2018 14:52

url: permalink

geert_goiris_bottle_2014_artconcept_tableau.jpg


"Goiris sottolinea la relazione anacronistica tra l’oggetto e il suo ambiente. Con una ingombrante presenza fisica, questi oggetti sembrano essere nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, sembrano invadere luoghi indisposti ad ospitarli. E’ come se l’autore inciampasse sempre negli inquietanti scenari delle sue immagini, pur avendo la straordinaria capacità di far in modo che essi attirino la nostra attenzione, invitandoci alla libera associazione."

Il “realismo traumatico” dei luoghi di Geert Goiris
Link all'articolo completo: "che Fare" 15.11.2018

Articolo per "che Fare" sulla professione di fotografo

15-11-2018 14:38

url: permalink

mestiere.jpg


"Verso la fine dell’800, i padri della fotografia, in sodalizio coi grandi progettisti e costruttori di ottiche, pensavano che il fotografo, per quanto potesse predisporre l’inquadratura, avrebbe dovuto attendere il risultato finale per verificare quanto lo scenario e la sua stessa composizione fossero stati modificati, in parte, dal filtro degli apparati. In qualche modo i fotografi si donavano quella possibilità di stato di grazia, o di tonfo (in cui c’era comunque qualcosa da salvare, qualche perverso errore da rivalutare), che contribuiva a generare l’intrigo dell’immagine fotografica. L’attesa di una latenza, più o meno lunga, era condizione imprescindibile della fotografia."

Professione fotografo: un mestiere sempre meno a fuoco
Link all'articolo completo: "che Fare" 10.10.2018

Articolo per "che Fare" sul lavoro di Ursula Schulz-Dornburg

15-11-2018 14:10

url: permalink

USD.jpg


"L’opera della Schulz-Dornburg è un’esplorazione critica della costruzione del potere e della sua impermanenza. Le immagini prendono corpo attraverso la stretta relazione tra strutture architettoniche e uomini, fra solidità dei materiali e impalpabilità dell’aria, con la costante di un viaggio senza sosta. Dal villaggio di Kurchatov in Kazakistan a Kronstadt, dalla Russia fino al confine fra Georgia e Azerbaijan, dalla Siria all’Iraq, dalle rovine dell’ormai abbandonato progetto ferroviario ottomano in Arabia Saudita alle fermate degli autobus dell’era sovietica in decomposizione in Armenia, alle abitazioni temporanee di paludi in Mesopotamia, il percorso visivo della Schulz-Dorburg si dichiara attraverso uno sguardo frontale, secco, coerente: modus videndi imprescindibile per chiunque abbia interesse all’intreccio fra fotografia concettuale, architettura e paesaggio."

Ursula Schulz-Dornburg: scenari su un futuro ineludibile
Link all'articolo completo: "che Fare" 03.08.2018

Incontro con gli studenti dell'Accademia d'Architettura di Mendrisio

20-10-2018 20:17

url: permalink


Lezione agli studenti dell'Accademia di Architettura di Mendrisio, con il loro professore Riccardo Blumer ed i suoi assistenti, presso lo studio di Pino Musi a Parigi.

Lecture to the students of Mendrisio Academy of Architecture at Pino Musi's Studio in Paris, with their teacher Riccardo Blumer and his assistants.

01.jpg02.jpg03.jpg04.jpg

Incontro con gli studenti della Parsons School

16-10-2018 09:13

url: permalink


Gli studenti della sede parigina della Parsons, Art and Design School di New York, oggi in visita allo studio di Pino Musi per discutere del suo lavoro. Pomeriggio intenso e bravissima Lila, la loro docente di fotografia!

The students of Parsons Paris, Art and Design School based in New York, today visiting Pino Musi's Studio to discuss his work. Intense afternoon with the talented Lila, their photography teacher!

IMG_7825.jpgIMG_7828.jpgIMG_7833.jpg

Film su Pino Pascali

24-08-2018 17:18

url: permalink


Pino Musi ha terminato le riprese fotografiche in bianconero che serviranno per il film di Walter Fasano sull'artista Pino Pascali, tragicamente scomparso, giovanissimo e nel momento di maggior slancio della sua carriera, nel 1968, a Roma. Le fotografie saranno il blocco forte (come nel film "La Jetée" di Chris Marker) di questo film sperimentale, prodotto dal Museo Pascali con l'Apulia Film Commission e Passo Uno. Il film sarà presentato ufficialmente in novembre/dicembre 2018.

Pascali_1.jpg

Workshop presso Camera, Centro Italiano per la Fotografia. Torino, 3 e 4 marzo 2018

31-01-2018 09:41

url: permalink


"La fotografia comincerà a interessarci quando non sarà più un documento, ma ne avrà tutte le apparenze."
Carlo Mollino

Apparenza, parola chiave e gioiosamente traditrice, accompagna anche la poetica architettonica di Mollino, tra sapienza di mestiere e sperimentazioni complesse. Un edificio come il Teatro Regio, il principale teatro di Torino, si distingue come un capolavoro, nonostante sia ancora poco conosciuto e contiene una serie di elementi da scoprire e da svelare. I partecipanti al workshop potranno utilizzare questa location per le riprese fotografiche, durante la giornata di domenica 4 marzo. Pino Musi, che studia da anni ed interpreta in più direzioni il lavoro di Mollino, guiderà i partecipanti al workshop ad approfondire una visione non convenzionale dell’architettura attraverso le riprese fotografiche sul campo e l'analisi dei materiali. Il workshop è in collaborazione con il Teatro Regio di Torino.
Per informazioni e iscrizioni: didattica@camera.to / 011 0881150

Workshop di Pino Musi presso Camera Torino

Mollino.jpg

Lecture di Pino Musi organizzata da AFIP International presso la Triennale di Milano

31-01-2018 10:22

url: permalink


Organizzata da AFIP International, presso la Triennale di Milano, il 13 dicembre 2017 si è tenuta la Lecture "Identità dell'immagine e relazioni necessarie". Alla serata ha partecipato un folto pubblico attento e partecipe. Attraverso il link allegato è possibile visionare l'intero incontro.

Lecture di Pino Musi presso Triennale di Milano

AFIP.jpg

Prix Nadar 2017

24-10-2017 08:18

url: permalink


Il libro ACRE, edito da GwinZegal, è entrato nella rosa dei dieci volumi finalisti selezionati dalla giuria del prestigioso "Prix Nadar". Dal 1955, viene premiato un libro sulla fotografia storica o contemporanea pubblicato in Francia nel corso dell'anno. Il premio viene assegnato in collaborazione con la Biblioteca Nazionale di Francia e il Museo Nicéphore Niépce e con il patrocinio del Ministero della Cultura.

The book ACRE, edited by GwinZegal, have been selected this year in the top ten of the very prestigious "Prix Nadar". Since 1955, it rewards a book on historical or contemporary photography published in France during the year. It is awarded in collaboration with the National Library of France and the Nicéphore Niépce Museum and with the patronage of the Ministry of Culture.

Prix_Nadar.jpg

Acquisizione serie ACRE da parte del FRAC Bretagne

29-09-2017 11:18

url: permalink


24 fotografie originali della serie ACRE sono state acquisite dal FRAC (Fonds Régional d'Art Contemporain) Bretagne per la collezione permanente
24 original photographs of ACRE series have been acquired by FRAC (Fonds Régional d'Art Contemporain) Bretagne for its permanent collection

ACRE nella Collezione del FRAC Bretagne

Boite1.jpgBoite.jpg

search
pages
Share
Link
https://www.pinomusi.com/news-d
CLOSE
loading