Pino Musi
« < >

Limes · 2008

ita · eng
Architetture che, partendo dalla dimensione di luoghi naturali e antropizzati, annullano ogni sedimentazione d’esperienza per dare avvio a una relazione tra gli elementi del confine, quel limite da cui ogni cosa comincia a “venire in presenza”, e lo spettatore, attore chiamato a risolvere e a completare la tensione superficiale. A emergere dal margine è uno squarcio di luce, un punctum violento che definisce il rapporto tra l’interno e l’esterno, e che collega il noto - il visibile - con l’ignoto - il non conosciuto, il dentro e il fuori.
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.pinomusi.com/limes_2008-p11774

Share link on
Chiudi / Close
loading